STUDIO SOLLENA

[info-studio]

Si ricorda a coloro che hanno aderito alla definizione agevolata dei ruoli, cosiddetta "rottamazione delle cartelle" che il 2 ottobre è la data ultima per il versamento della seconda rata, per chi ha scelto di versare a rate l'importo dovuto per la definizione.

Il mancato pagamento o anche il pagamento con un solo giorno di ritardo, comporta il venir meno dell'agevolazione, con ripristino
di tutti gli importi che erano stati risparmiati. E' infatti fondamentale rispettare tutte le scadenze.

a.s.
...

View on Facebook

...

View on Facebook

E il buon senso, spesso, è l'ambasciatore del diritto (Mauro Beghin) ...

View on Facebook

L’Inps, con circolare n. 129 del 1° settembre 2017, ha riepilogato la normativa che regola la riduzione contributiva per le imprese edili, confermata all’11,50% con decreto 5 luglio 2017, e ha fornito le indicazioni operative per il godimento della riduzione contributiva. G.S. ...

View on Facebook

L’Assessorato Attività Produttive della Regione Siciliana intende agevolare progetti di investimento in Sicilia, relativi alla creazione e all’ampliamento di capacità avanzate per lo sviluppo di prodotti e servizi in attuazione dell’Asse 3 Azione 3.1.1_02a del POR FESR Sicilia 2014/2020.

Soggetti beneficiari sono le Piccole e Medie, in forma singola o associata con altre imprese a prescindere dalla classe dimensionale di appartenenza in ATS, ATI, ad eccezione di distretti e reti di imprese, esercitanti un’attività identificata come prevalente, rientrante in uno dei seguenti codici ATECO ISTAT 2007.

In caso di Consorzio, ATI o ATS, oltre al Codice ATECO di questi ultimi, sono richiesti anche i Codici ATECO delle singole imprese consorziate/aderenti alla ATI, ATS, Consorzio. Ciascuna impresa può partecipare solo ad una ATI o ATS o Consorzio richiedente l’agevolazione, pena di inammissibilità delle domande nelle quali è presente la stessa impresa.

Il richiedente deve possedere, alla data di presentazione della domanda, la capacità economico-finanziaria in relazione al progetto da realizzare che dovrà essere comprovata nella misura stabilita del 55%, nel caso di micro e piccole imprese, o del 65% in presenza di medie imprese, e dovrà essere documentata mediante la produzione di indici di bilancio a corredo della domanda di partecipazione da un indice pari ad almeno 0,2 calcolato come rapporto tra patrimonio netto e costo del progetto al netto dell’aiuto.

I settori ammessi sono (Elenco Codici ATECO ISTAT 2007):
B) Estrazione di minerali da cave e miniere;
C) Attività manifatturiere;
D) Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata, esclusivamente per il codice 35.30;
E) Fornitura di acqua, reti fognarie, gestione dei rifiuti e risanamento;
F) Costruzioni;
G) Commercio all'ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli ;
H) Trasporto e magazzinaggio;
I) Attività dei servizi di alloggio e ristorazione;
J) Servizi di informazione e comunicazione;
L) Attività immobiliari;
M) Attività professionali, scientifiche e tecniche;
N) Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese;
Q) Sanità e assistenza sociale;
R) Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento;
S) Altre attività di servizi.
Gli aiuti concessi, in coerenza con la Strategia Regionale dell’Innovazione per la Specializzazione Intelligente, dovranno essere finalizzati all’upgrade tecnologico nei settori produttivi tradizionali e riguarderanno la realizzazione, di un “investimento iniziale” ovvero un investimento in attivi materiali e immateriali relativo alla creazione di un nuovo stabilimento, all'ampliamento della capacità di uno stabilimento esistente, alla diversificazione della produzione di uno stabilimento per ottenere prodotti mai fabbricati precedentemente o a un cambiamento fondamentale del processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente.

Sono ammissibili le seguenti spese:
- Spese per investimenti materiali quali terreni, per un importo non superiore al 10% della spesa totale ammissibile;
- Immobili. L'acquisto di un immobile è considerato ammissibile solo se strettamente connesso alle finalità dell'intervento, fermo restando la destinazione d'uso dello stesso, che dovrà essere comprovata, ove non già in possesso, pena decadenza del contributo concesso, a conclusione dell'investimento;

- Opere murarie;
- Impianti;
- Macchinari;
- Attrezzature;
- Spese per investimenti immateriali, quali brevetti, licenze, know how e altre forme di proprietà intellettuale;
- Servizi di consulenza (tali servizi non sono continuativi o periodici ed esulano dai costi di esercizio ordinari dell'impresa connessi ad attività regolari quali la consulenza fiscale, la consulenza legale e la pubblicità ed entro il limite del 50% dei costi ammissibili). Il contributo massimo concedibile sarà, comunque, di 15.000 euro.

Il costo totale ammissibile del progetto presentato non deve essere inferiore a 250.000,00 euro e superiore a 4.000.000,00 di euro. Il contributo in conto capitale è pari per le micro e piccole imprese al 45% della spesa ritenuta ammissibile; mentre per le medie imprese sarà al 35% della spesa ritenuta ammissibile.

I progetti dovranno concludersi entro 18 mesi dalla data di pubblicazione del decreto di approvazione della convezione. Entro tale termine tutte le spese inserite nel progetto devono essere fatturate e pagate.

Le risorse previste per il presente Avviso, sono pari a 70.000.000 euro.

I progetti devono essere presentati esclusivamente on line, a partire dalle ore 9:00 del 19 settembre 2017 e fino alle ore 11:59:59 del 29 settembre 2017. Bando a sportello.
...

View on Facebook

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza n. 15961/2017, ha stabilito che alla scelta di cessare l'attività imprenditoriale per cui aveva ottenuto il beneficio degli sgravi contributivi sulle assunzioni dei dipendenti, prima del decorso del triennio dalle medesime, consegue l’onere dell’imprenditore di restituzione, in quanto sono venuti meno i presupposti degli sgravi stessi. La scelta del datore di lavoro, infatti, contrasta con la ratio dello sgravio contributivo, finalizzato alla creazione di occupazione stabile in aree ad alto tasso di disoccupazione.

GS
...

View on Facebook

L’Assessorato Attività Produttive della Regione Siciliana intende agevolare la realizzazione di progetti di investimento con aiuti in “de minimis” per favorire la nascita di piccole imprese attraverso incentivi diretti finalizzati all’acquisizione di attivi materiali e immateriali – Asse 3 Azione 3.5.1-2 del PO FESR Sicilia 2014/2020.

Soggetti beneficiari sono:

- le Piccole Imprese, in fase di avviamento sotto forma di impresa singola o sotto forma di “impresa unica”. Le imprese ammissibili sono le piccole imprese non quotate fino a cinque anni dalla loro iscrizione al registro delle imprese, che non hanno ancora distribuito utili e che non sono state costituite a seguito di fusione. Per i soggetti ammissibili ed equiparati alle imprese non soggetti all’obbligo di iscrizione al registro delle imprese, il periodo di ammissibilità di cinque anni può essere considerato a partire dal momento in cui viene avviata la attività economica o sono soggetti a imposta per tale attività.
- le piccole imprese che presentano i requisiti precedenti, che esercitano un’attività identificata come prevalente, rientrante in uno dei codici ATECO ISTAT 2007;
- altri soggetti, operanti in attività di natura imprenditoriale, in forma singola.

I settori ammessi sono (Elenco Codici ATECO ISTAT 2007):
B) estrazione di minerali da cave e miniere;
C) attività manifatturiere;
D) fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata;
E) fornitura di acqua, reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento;
F) costruzioni
G) commercio all’ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli;
H) trasporto e magazzinaggio;
I) attività di servizi di alloggio e ristorazione;
J) servizio di comunicazione e informazione;
M) attività professionali, scientifiche e tecniche;
N) noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese;
Q) sanità e assistenza sociale;
R) attività artistiche di intrattenimento e divertimento;
S) altre attività di servizi, con esclusione dei codici 94 e 96.09.03.

Sono ammissibili le seguenti spese: opere edili di ristrutturazione su edifici già esistenti nella misura massima del 40% del progetto ammesso, impianti, macchinari, attrezzature nuovi di fabbrica e conformi alle normative comunitarie software, servizi ecommerce, servizi di consulenza e di sostegno all’innovazione (tali servizi non sono continuativi o periodici ed esulano dai costi di esercizio ordinari d’impresa connessi ad attività regolari quali la consulenza fiscale, la consulenza legale e la pubblicità).

Il contributo in conto capitale è erogato nella forma “de minimis”, ed è pari al 75% della spesa ritenuta ammissibile. Il costo totale ammissibile del progetto presentato non deve essere inferiore a 30.000 euro e superiore a 250.000 euro. Per quanto riguarda le imprese che effettuano trasporto di merci su strada per conto terzi, il contributo non sarà superiore a 100.000 euro.

I progetti dovranno concludersi entro 12 mesi dalla data di ricezione del decreto di finanziamento del contributo.

Le risorse previste per il presente Avviso, sono pari a 20.000.000 euro.

I progetti devono essere presentati esclusivamente on line, a partire dalle ore 9:00 del 30 agosto 2017 e fino alle ore 23:59:59 del 18 settembre 2017. Bando a sportello.
...

View on Facebook

L’Assessorato Attività Produttive della Regione Siciliana sostiene i nuovi soggetti e le nuove idee favorendo la creazione di imprese e, quindi, un’occupazione stabile, che possano portare linfa e nuove prospettive al tessuto produttivo siciliano, incoraggiando così il talento imprenditoriale e l’interesse verso chi intraprende percorsi virtuosi e innovativi – Asse 3 Azione 3.5.1-01 del PO FESR Sicilia 2014/2020.

Soggetti beneficiari sono le Micro e Piccole Imprese, non quotate fino a cinque anni dalla loro iscrizione al registro delle imprese, che non hanno ancora distribuito utili e che non sono state costituite a seguito di fusione. Esercitanti una attività identificata come prevalente, rientrante in uno dei codici ATECO ISTAT 2007. Non sono ammesse le imprese operanti nei settori della pesca e acquacoltura e delle produzione primaria di prodotti agricoli.

I settori ammessi sono (Elenco Codici ATECO ISTAT 2007):
B) Estrazione di minerali da cave e miniere;ù
C) Attività manifatturiere;
D) Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata, esclusivamente per il codice 35.30;
E) Fornitura di acqua, reti fognarie, gestione dei rifiuti e risanamento;
F) Costruzioni;
G) Commercio all'ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli;
H) Trasporto e magazzinaggio;
I) Attività dei servizi di alloggio e ristorazione;
J) Servizi di informazione e comunicazione;
M) Attività professionali, scientifiche e tecniche;
N) Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese;
Q) Sanità e assistenza sociale;
S) Altre attività di servizi.

Sono ammissibili le seguenti spese:
- opere murarie, ovvero valorizzazione e recupero di patrimonio edilizio esistente non ancora pienamente realizzato e quello in disuso (anche con riferimento alla riqualificazione degli edifici storici);

- impianti, macchinari, attrezzature;

- servizi di consulenza il cui contributo massimo concedibile sarà di € 15.000,00. Tali servizi non sono continuativi o periodici ed esulano dai costi di esercizio ordinari dell'impresa connessi ad attività regolari quali la consulenza fiscale, la consulenza legale e la pubblicità.

Il contributo in conto capitale è pari al 80% della spesa ritenuta ammissibile. Il contributo massimo dell’aiuto concedibile è pari a € 800.000.

Il costo totale ammissibile del progetto presentato non deve essere inferiore a 250.000 euro e non superiore a 1.000.000,00 di euro.

I progetti dovranno concludersi entro 18 mesi dalla data di pubblicazione del decreto di approvazione della convezione.

Le risorse previste per il presente Avviso, sono pari a 30.000.000 euro.

I progetti devono essere presentati esclusivamente on line, a partire dalle ore 9:00 del 3 settembre 2017 e fino alle ore 11:59:59 del 13 settembre 2017. Bando a sportello.
...

View on Facebook

Ancora pochi giorni e anche in Sicilia sarà realtà. ...

View on Facebook

Studio Sollena ha aggiunto una nuova foto all'album: Foto del diario. ...

View on Facebook

Questo chiamasi sfizio... ...

View on Facebook

Studio Sollena ha aggiunto una nuova foto all'album: Foto del diario. ...

View on Facebook

Studio Sollena ha aggiunto una nuova foto all'album: Foto del diario. ...

View on Facebook

Studio Sollena ha aggiunto una nuova foto all'album: Foto del diario. ...

View on Facebook

Studio Sollena ha aggiunto una nuova foto all'album: Foto del diario. ...

View on Facebook

Ad maiora semper... ...

View on Facebook

Le novità sugli "affitti brevi": attenzione, proprietari di case da affittare ai vacanzieri, soprattutto nel periodo estivo. ...

View on Facebook

Studio Sollena ha aggiunto una nuova foto all'album: Foto del diario. ...

View on Facebook

Il mio intervento nell'ambito del convegno "Il compenso degli avvocati", tenutosi al Circolo Margherita di Termini Imerese lo scorso 20 maggio, organizzato dal Movimento Forense di Termini Imerese. Evento formativo per gli avvocati e patrocinato dall'Ordine dei Dottori Commercialisti ed e.c. di Palermo.

Si raccomanda ai clienti un attento ascolto, in quanto molte delle novità su cui mi sono concentrato, riguardano una vasta platea di soggetti.

a.s.
...

View on Facebook

NEWS

Clienti, colleghi, amici, follower: prestate la massima attenzione. Un attacco hacker a livello mondiale è in corso: il virus Wannacry, un ransomware, è stato lanciato su decine di migliaia di computer.

Questo tipo di virus blocca l'accesso ai files del pc, criptandoli e rendendo impossibile tornarne in possesso, senza le chiavi di decriptazione. Per averle, vengono richiesti soldi in Bitcoin come riscatto. Sono state colpite anche importanti strutture pubbliche in Italia.

Vi invito sempre a prestare la massima attenzione alle mail ricevute e a collegamenti su siti non attendibili. Non siate creduloni, diffidate da ogni mail strana.
...

View on Facebook

Pratiche camerali solo con firma digitale dell’interessato

Da questo mese (settembre 2014) la Camera di Commercio di Palermo NON accetterà più pratiche camerali trasmesse tramite “procura speciale” allo Studio. Ciò significa che ogni pratica che viene trasmessa dovrà necessariamente essere firmata digitalmente dal cliente (con il proprio dispositivo di firma: smart card o altro), per cui diventa a questo punto importantissimo per tutti i clienti dotarsi del dispositivo di firma elettronica (utile peraltro in moltissimi casi). Vi ricordo che lo Studio Sollena è in grado di fornirvi una smart card “Infocert”, per cui potete rivolgervi a noi oppure, in alternativa, alla Camera di Commercio di Palermo.